Juanjo Guarnido torna in Italia con una mostra quasi interamente dedicata al suo personaggio più celebre: Blacksad, una delle opere noir più apprezzate dal panorama internazionale, di cui – sui testi di Juan Dìaz Canales – Guarnido ha già disegnato cinque libri per l’editore francese Dargaud, trasformandolo in un successo editoriale tradotto e pubblicato in moltissimi paesi del mondo.
Animatore, illustratore e fumettista, da Granada agli USA – dove oltre alla collaborazione con la Marvel è stato tra gli animatori di punta del Tarzan della Disney – fino alla vera e propria consacrazione in Francia.

Oltre Blacksad

Oltre alle avventure del detective felino e alla sua New York anni ’50 ispirata ai classici hardboiled, l’esposizione romana presenta una straordinaria anteprima esclusiva: le tavole originali di Les indes fourbes, il nuovo romanzo a fumetti dell’autore spagnolo, ancora inedito in tutta Europa.

La mostra – a ingresso gratuito – è una coproduzione tra ARF! Festival e l’Istituto Cervantes di Roma.
Dal 16 maggio al 29 giugno, dal mercoledì al sabato dalle 16.00 alle 20.00, nella Sala Dalì dell’Instituto Cervantes, al civico 91 di piazza Navona.

Vernissage:

16 maggio ore 18.00
Juanjo Guarnido incontra il pubblico, modera Valentina Griner.
Seguirà firmacopie.
Ore 19.00 inaugurazione mostra.

Juan José “Juanjo” Guarnido è nato a Salobreña, in provincia di Granada, nel 1967. Si è laureato alla Facoltà di Belle Arti dell’Università di Granada, dove nella seconda metà degli anni ’80 ha cominciato a pubblicare su diverse fanzine e in seguito per Còmic Forum (divisione editoriale della Planeta) che in quegli anni era licenziataria dei fumetti dei supereroi Marvel in Spagna.
Nel 1990 si è trasferito a Madrid, dove ha iniziato a lavorare per la casa editrice Lápiz Azul realizzando disegni e storyboard di progetti come Tintin, Sonic e The Pink Panther.
É qui che ha incontrato Juan Díaz Canales, con il quale in futuro creerà la celebre serie di Blacksad.
Dal 1993 si è stabilito in Francia – inizialmente a Montreuil, poi a Parigi – e ha lavorato come animatore per i Walt Disney Studios in film come Il gobbo di Notre Dame, Hercules, Atlantis ma soprattutto come capo animatore del personaggio Sabor in Tarzan.
Lasciata la Disney e ritrovato lo sceneggiatore Canales, nel novembre 2000 ha pubblicato il primo volume di Blacksad – Da qualche parte con le ombre – per l’editore Dargaud, a cui sono seguiti Arctic Nation (2003), Anima Rossa (2005), L’inferno, il silenzio (2010) e Amarillo (2013).
La saga, vincitrice di prestigiosi premi internazionali tra i quali un Angoulême Best Series Award e due Eisner Award, è stata tradotta e pubblicata in oltre trenta paesi del mondo.

Vivi il festival in realtà aumentata: diventa ARFiere del Fumetto!

ARFieri! Ci vediamo al Festival! 😉